Ultimo aggiornamento: 23-05-2017 - 01:01
Martedì 23 Maggio 2017

Cavalleria Rusticana e La Serva Padrona, la recensione di Ezia Di Capua

21/02/2017

Successo per “Cavalleria Rusticana”, tragedia tutta mediterranea, capolavoro di Pietro Mascagni, tratto dall'omonima novella di Giovanni Verga, inserita nella rassegna teatrale del Teatro Olimpia di Vecchiano di Pisa e messa in scena dall’Associazione Orfeo InScena, sabato 18 febbraio alle 21 con l’orgoglio un pubblico assai attento che ha colmato più volte il teatro di applausi. Diretta magistralmente dal M° Kentaro Kitaya, che ha curato anche la replica della regia, di Alberto Paloscia e i momenti drammaturgici firmati Sergio Licursi di cui si onora la memoria, l'opera ha mostrato a pieno la sua profeticità e gli intrecci, carichi di grande tensione. Cristina Martufi (Santuzza), soprano dalla  grande bellezza vocale,  ha donato una interpretazione  di grande spessore, voce, calda, vibrante si è appropriata con naturalezza del suo personaggio innalzato alla statua di una grande peccatrice redenta. Non da meno Gabriele Munaò, che ha esplicato a pieno, con  voce possente, penetrante, la maturazione psicologica, drammatica  ed emotiva di Turiddu.  Intenso nella voce e notevole anche nella presenza scenica  l' energico Andrea Rola nei panni di Alfio, marito tradito fremente di gelosia. Eccellente, sul palco, Roberta Ceccotti, impeccabile nello stornello, ricca nei colori della voce e interprete di una straordinaria Lola, amante di Turiddu. Molto bene anche per Sandra Mellace che disegna con forza e registro grave una Mamma Lucia accorata, disperata e convincente. Molto ben condotto il compito del M° Collaboratore Stefano Marin. Impeccabile il compito narrativo ottimamente svolto dalla pianista M°Miki Kitaya – Ensemble Artemide. La musica ha accompagnato la tragedia sottolineando  impulsi e  conflitti sanguigni, rendendo palpabile il dramma musicale, e intensi egli episodi di “musica in scena” quali: il coro gli “aranci olezzano” e la preghiera “Inneggiamo, il Signor non è morto”, la sortita di Alfio carrettiere “Il cavallo scalpita”, lo stornello di Lola “Fior di giaggiolo”, il brindisi di Turiddu “Viva il vino spumeggiante”e infine l'annuncio della catastrofe “Hanno ammazzato compare Turiddu!”, che annuncia la tragedia.  Bene anche la parte corale, accento fondamentale nell’opera, sostenuta dal Coro Lirico La Spezia preparato dal M° Kentaro Kitaya eccellente artista, tenore dal poliedrico talento che si è espresso con successo personale, di pubblico e critica in qualità di  direttore e regista dell’opera.

Successo assoluto anche per “La Serva Padrona” opera di Giovanni Battista Pergolesi, modello di perfezione del teatro comico all'italiana nella quale la linea vocale contiene già in sé stessa formidabili impulsi cinetici e suggestive inflessioni espressive. Hanno dato vita all’opera, sotto il segno della spontaneità e di uno spumeggiante umorismo: Serpina la serva furba ed ambiziosa interpretata da una strepitosa e deliziosa Roberta Ceccotti dalla bella voce ammaliatrice, Uberto interpretato da Veio Torcigliani che, incisivo nella recitazione e nella linea di canto ha sostenuto con carisma scena e personaggio, Vespone  il servo muto è stato interpretato da Valeria Lanini che ha arricchito il ruolo con gustose sfumature espressive. Con le voci, l’elegante ricamo sonoro della pianista M°Miki Kitaya e l’Ansemble Artemide diretto pregevolmente dal M° Kentaro Kitaya ha impreziosito l’opera e trascinato il pubblico nell’ambientazione e nel periodo storico. Molto bene apprezzate e di grande effetto le scenografie di Marina Meoni, i costumi di Rachele Ceccotti e la direzione dell’allestimento affidata a Daniele Donofrio

Immagini e quanto utile per la promozione artistica nel Blog di Sala CarGià: http://salacargia.blogspot.it
foto di Luca Bin

Ezia Di Capua - Curatore dell'Associazione Coro La Spezia


Accade in città

Le Notti dei Cavalieri

dal 23/05/2017 al 18/06/2017
21 appuntamenti serali nella piazza delle 7 vie

Pitture senza casa

il 24/05/2017
La difficoltà di vivere ai margini nelle opere di Salvatore Sferrazza

Danteprima

dal 25/05/2017 al 28/05/2017
Quattro giorni di incontri, mostre, installazioni ed eventi

Shakespeare and Co

dal 24/05/2017 al 31/05/2017
Cosa succede quando al Bardo manca l'ispirazione?

Ultime notizie da...